IMPORTANTE!!

Spesso ricevo richieste di informazioni sulle mie creazioni attraverso i commenti, ma non mi lasciate un recapito a cui poter rispondere ed io non so come fare! Per raggiungermi ed avere la certezza di ricevere una mia rapidissima risposta, utilizzate il modulo contatti che si apre cliccando sull'icona del topolino Diddl con la corona in testa e la penna in mano: la trovate qui a sinistra nella sidebar! Grazie, vi aspetto!!



venerdì 22 settembre 2017

Set asilo personalizzato per Giulia con il contrassegno della classe e quello personale: anche sui grembiulini!

 
Quest'estate Giulia ha terminato il nido e la sua mamma mi ha chiesto di realizzare per le sue educatrici diversi regalini, che vi farò vedere...prima o poi, quando sistemerò le foto!
Chiuso un capitolo però se n'è subito aperto un altro e per lei ho realizzato anche il set asilo che la accompagnerà da quest'anno alla Scuola dell'Infanzia, eccolo qui:
 
 
Giulia è entrata nella classe delle api ed il suo contrassegno è il lupetto verde, ecco perché mi è stato chiesto di trovare il modo di abbinarli su ciascun pezzo del set, a partire dalle spugne: 4 bavaglini e 3 asciugamani rettangolari, tutti con un nuovo sbieco rosa a cuoricini bianchi, ricavato da un taglio di stoffa con cui sono riuscita a realizzare tutto il set in coordinato.

 
Mi sono subito innamorata di questa stoffa anche perché, come i miei adorati pois, c'era sia nella versione in positivo che nella corrispondente in negativo e proprio con quella bianca a pois rosa ho cucito il lenzuolino da sotto con gli angoli:
 
 
Ecco qui tutto il set lenzuola con in più quello sopra con il risvolto doppiato e la federa patchwork, tutti con ape e lupetto. A proposito di quest'ultimo: il ricamo l'ho realizzato io partendo dal disegno che alla mamma era piaciuto di più (la scelta è ricaduta su quello che sembrava più femminile e simpatico, dato che doveva essere anche VERDE!!).


Qui ho aggiunto anche la copertina, composta da 3 strati (sopra e sotto cotone, spugna di cotone al centro) e bordata con lo sbieco a contrasto, come i cuori che ho applicato alla fine per trapuntare insieme il tutto.

 
Qui ve la faccio vedere stesa: io la trovo tenerissima con questi cuori! Il retro era sempre bianco a pois rosa.

 
Ho cucito poi un sacchettino patchwork unendo le due stoffe e mettendo come al solito il nome bene in evidenza, perché da educatrice so quanto è importante e d'aiuto poter riconoscere a colpo d'occhio le cose di ciascun bambino!
 
 
Come Mokacharm ho ripreso il tema dei cuoricini:

 
La mamma di Giulia mi aveva anche mandato 3 grembiulini chiedendomi di personalizzare anche quelli con i 2 contrassegni: all'inizio avevo paura di rovinarli perché 2 su 3 avevano già un disegno e tutti avevano già il nome, ma dopo aver studiato bene la possibile collocazione del ricamo (anche schivando le pences e le tasche!) il lavoro non è stato poi così complesso e sono rimasta molto contenta del risultato.


Per completare il set ho voluto aggiungere un piccolo regalino: alcune etichette da applicare sui cambi ed un mini-sacchettino patchwork da agganciare eventualmente a quello grande, in cui riporre i calzini antiscivolo per ginnastica, il ciuccio o quello che Giulia vorrà!


lunedì 18 settembre 2017

Il sacchettino ambientato con il fiore per Ambra


Sono passati già diversi anni da quando vi ho fatto vedere il sacchettino di Asia e ne sono passati ben 3 anche da quando sono stata ricontattata per realizzare quello per Ambra, sempre "ambientato" e stavolta con un grande fiore pieno di petali rosa e lilla, le foglioline ed il cielo nello sfondo. Sulla corolla una coccinella che poi ho ripreso per fare il Mokacharm, eccolo qui!


venerdì 8 settembre 2017

Set asilo fatto a mano con gli elicotteri e le barchette per Alessio


Ciao! Siete anche voi tornati al lavoro? Io sì...ma stavo meglio in vacanza! Per ricordare ancora un po' il mare e le nuotate che ho fatto mi riguardo assieme a voi questo set cucito e ricamato per Alessio, che oltre al tema marino aveva anche quello dei suoi mezzi di trasporto preferiti: elicotteri e trattori.


Gli sbiechi con la stoffa a pois rimangono sempre fra i più gettonati, sia per le bimbe che per i maschietti e nei 3 bavaglini mi è stato chiesto di applicare anche la mia lunetta salvagola "original Moka Crea!", che permette di intercettare al meglio anche le gocce di minestra che colano lungo il mento!


Nei 2 asciugamani ho ripreso la barchetta e l'elicottero, ma in colori diversi:


Sempre in azzurro e con la barchetta c'erano poi la bustina portabavaglino...


...e la tovaglietta americana con l'ambientazione e tutta la trapuntatura.


Con l'elicottero un altra bustina portabavaglino sui toni del verde...


...e negli stessi colori un'altra tovaglietta americana semplice, senza ambientazioni:


Il prossimo è invece un dettaglio del retro di alcuni pezzi, infatti per distinguere le cosine di Alessio da quelle dei suoi compagni omonimi, ma senza mettere il cognome in evidenza sul davanti, la sua mamma mi ha chiesto di applicare della fettuccia con nome e cognome ricamati con un punto base della macchina, così:


Poi 3 etichette di formati diversi in base alla loro destinazione...


...e per finire altre etichette su fettuccia per i vestiti del cambio.


venerdì 1 settembre 2017

Set asilo personalizzato con il Piccolo Principe


Fra i set che mi sono stati richiesti quest'estate ce ne sono stati alcuni di veramente impegnativi, a causa della loro corposità, oppure -come in questo caso- per l'originalità del tema, tutto da elaborare e da creare ex novo.
La mamma di Federico desiderava un set a tema "Piccolo Principe", quindi un set davvero unico e personalizzato, perché questo personaggio nel mio blog non si era ancora visto! Dato che lo ha ricevuto proprio ieri, ora con molto orgoglio posso farlo vedere anche a voi!

Ogni pezzo doveva avere un disegno diverso che richiamasse le pagine del libro e non avendo ricami già pronti li ho dovuti creare da me, digitalizzando delle immagini che abbiamo scelto insieme fra una rosa di possibili candidate.
Oltre a questo, ogni pezzo doveva anche essere ambientato ed avere uno sbieco di colore diverso: non vi dico le ore passate a combinare il tutto...la fase di progettazione mi ha occupato più tempo di quella alla macchina da cucire!


Ecco il bavaglino con lunetta salvagola, sbieco rosso a pois e l'elefante dentro la pancia del serpente, il famoso disegno che nessun grande capiva e che confondeva con quello di un cappello: penso che sia talmente famoso da non aver bisogno di altre spiegazioni, comunque come ambientazione ho pensato ad un quaderno con tante scritte e la matita, che richiamano la storia ("Mostrai il mio capolavoro alle persone grandi, domandando se il disegno li spaventava. Ma mi risposero: "Spaventare? Perche’ mai, uno dovrebbe essere spaventato da un cappello?". Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi").


Per gli asciugamani abbiamo scelto per uno la volpe, che attende all'ombra di un albero l'arrivo del Piccolo Principe ("Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora", disse la volpe. "Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincero' ad essere felice. Col passare dell'ora aumentera' la mia felicita'. Quando saranno le quattro, incomincero' ad agitarmi e ad inquietarmi; scopriro' il prezzo della felicita'!"), mentre per l'altro l'aereo del narratore che è atterrato fra le dune del deserto ("Cosi’ ho trascorso la mia vita solo, senza nessuno cui poter parlare, fino a sei anni fa quando ebbi un incidente col mio aeroplano, nel deserto del Sahara. ........ La prima notte, dormii sulla sabbia, a mille miglia da qualsiasi abitazione umana. Ero piu’ isolato che un marinaio abbandonato in mezzo all’oceano, su una zattera, dopo un naufragio"):


E' il turno poi della tovaglietta americana il Piccolo Principe sul pianeta B612 con la sua adorata Rosa ed uno sfondo di altre stelle e pianeti nello spazio ("Ho serie ragioni per credere che il pianeta da dove veniva il piccolo principe e' l'asteroide B 612. Questo asteroide e' stato visto una sola volta al telescopio da un astronomo turco")...


...mentre sulla bustina portabavaglino sempre il Piccolo Principe sul suo pianeta che osserva il tramonto ("Mi piacciono tanto i tramonti. Andiamo a vedere un tramonto..." "Ma bisogna aspettare..." "Aspettare che?" "Che il sole tramonti..."........ sul tuo piccolo pianeta ti bastava spostare la tua sedia di qualche passo. E guardavi il crepuscolo tutte le volte che volevi..."Un giorno ho visto il sole tramontare quarantatre' volte!" E piu' tardi hai soggiunto: "Sai... quando si e' molto tristi si amano i tramonti..."):


Ed ora il mio pezzo preferito di tutto il set: il sacchettino! In primo piano il pianeta con i suoi vulcani ed il Piccolo Principe che annaffia la Rosa ("Credo che sia l'ora del caffe' e latte", aveva soggiunto, "vorresti pensare a me..." E il piccolo principe, tutto confuso, ando' a cercare un innaffiatoio di acqua fresca e servi' al fiore la sua colazione................"Sai... il mio fiore... ne sono responsabile! Ed e' talmente debole e talmente ingenuo. Ha quattro spine da niente per proteggersi dal mondo..."); sullo sfondo pianeti e stelle lontani...


...ed una stellina più vicina con scritto il nome di Federico con la tecnica del free motion embroidery ("Guarderai le stelle, la notte. E' troppo piccolo da me perche' ti possa mostrare dove si trova la mia stella. E' meglio cosi'. La mia stella sara' per te una delle stelle. Allora, tutte le stelle, ti piacera' guardarle... Tutte, saranno tue amiche. E poi ti voglio fare un regalo..." Rise ancora. ......... "Gli uomini hanno delle stelle che non sono le stesse. Per gli uni, quelli che viaggiano, le stelle sono delle guide. Per altri non sono che delle piccole luci. Per altri, che sono dei sapienti, sono dei problemi. Per il mio uomo d'affari erano dell'oro. Ma tutte queste stelle stanno zitte. Tu, tu avrai delle stelle come nessuno ha..." "Che cosa vuoi dire?" "Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che io abitero' in una di esse, visto che io ridero' in una di esse, allora sara' per te come se tutte le stelle ridessero. Tu avrai, tu solo, delle stelle che sanno ridere!")


Per finire il dettaglio di alcuni dei ricami che ho creato:


Che ne dite, vi è piaciuto questo set? A me moltissimo ed anche se mi ha fatto sudare 7 camicie sono stata felicissima di aver avuto l'opportunità di sperimentare questo nuovo personaggio che amo e che da tempo speravo potesse associarsi ad una creazione Moka Crea! (A dire la verità questa è la seconda volta che succede, perché mesi fa ci ho già fatto dei quadretti bomboniera...ma per vederli dovrete aspettare uno dei prossimi post!)

mercoledì 30 agosto 2017

Set asilo personalizzato per due fratellini: Matilda e Filippo e gli abitanti del mare


Agli sgoccioli di questo mese estivo e vacanziero, ma non ancora alla fine della produzione di set asilo per settembre (se avete la pazienza di aspettare qualche giorno accetto ancora richieste), ripesco nuovamente nel passato per mostrarvi questo set realizzato per due fratellini amanti del tema marino.
Come vedete il set era abbastanza corposo, ma soprattutto vario:


Prima di tutto ecco le spugne per Matilda: 3 bavaglini con lunetta salvagola e sbiechi a pois di 3 colori diversi e vivaci, ciascuno con un diverso animaletto marino...


...e poi 2 asciugamani rettangolari con medusa e delfino:


Ecco un portabavaglino per ciascuno: normale per la bimba ed ambientato per Filippo, con un granchietto furbo che passeggia sulla riva del mare e si gode il sole!


Ho realizzato poi anche una tovaglietta americana per ciascuno: colori diversi, ma entrambe trapuntate per dare sostegno ed anche per creare un bel gioco visivo di onde e correnti subacquee.


Sempre per Matilda mi è stato chiesto il lenzuolino da sopra con il risvolto ricamato...


...e ancora etichette per entrambi: solo con il nome e cognome per lui ed anche con il disegnino per lei.


Infine un bel sacchettino a fascia, azzurro come il mare, in cui far tuffare tutti questi pesciolini...


...ehi, ma uno è rimasto fuori!!!


sabato 26 agosto 2017

Completo per il lettino personalizzato: le lenzuola di Samuel

 
Ciao a tutti, siete ancora in vacanza? Settembre ormai è alle porte e fra una settimana riapriranno i nidi e poi le scuole...siete pronti? Io nooo!!!
Voglio godermi ancora quest'ultima settimana prima di rientrare al lavoro, conoscere nuovi piccoli, affrontare nuovi inserimenti (alias tante lacrime) e cercare di conquistare la fiducia dei genitori (=metà del lavoro)...per voi che state dall'altra parte invece, sono pronti i corredini per i vostri bimbi?
 
In questi giorni stanno arrivando a destinazione gli ultimi set che ho realizzato e sono contenta di aver anche quest'anno aiutato tante mamme a trasferire su stoffa l'abbraccio con il quale vogliono accompagnare i loro cuccioli ogni giorno ed ogni ora in cui saranno distanti.
 
Proprio perché sono ancora in viaggio e non voglio rovinare la sorpresa, devo aspettare a farvi vedere gli ultimi set sfornati nella craft-mansarda, però ho pescato fra le tante immagini di repertorio questo set per il lettino che non avevo ancora postato.
Come vedrete ho utilizzato la mia adorata stoffa a pois, la stessa con cui preparo anche i sacchettini e gli sbiechi di bavaglini e asciugamani: quante volte ormai avrò già scritto che adoro fare i coordinati?! Ecco perché preparo tutte le basi da sola: questo mi permette di avere un intero set con lo stesso colore o con la stessa fantasia che avete scelto, partendo dalle spugne e fino anche alla trapuntina per il lettino.
 
Per Samuel la scelta è ricaduta sul colore rosso e sui personaggi della Disney, ecco quindi il lenzuolo sotto, con gli angoli, con Mickey Mouse vestito di tutto punto...
 

 ...poi la federa, tagliata e cucita su misura per il cuscino del bimbo, con la famosa silhouette nera (ma sempre con la stessa stoffa a pois) con viso e orecchie...
 
 
...ed infine il lenzuolo sopra, con il risvolto doppiato in modo che non si veda il retro del ricamo, ma soprattutto che il lenzuolo possa mostrare il suo lato A e contemporaneamente avere il risvolto in vista (mentre di solito bisogna sacrificare il lato bello del lenzuolo, mettendolo sotto, per poter vedere il risvolto, ed è una cosa che io non ho mai sopportato!!). Come ricamo ho messo Mickey abbracciato al suo fedele amico Pluto ed ai lati nome e cognome del bimbo.

 
Le misure come vedete sono quelle dei lettini e delle brandine degli asili, che poi sono le stesse del classico lettino di casa con le sbarre, quindi una volta terminato l'asilo, potrete continuare ad utilizzare queste simpatiche lenzuola anche a casa .
 

sabato 19 agosto 2017

Il set patchwork arancione e rosa per Carola

 
Come vi avevo anticipato in uno degli ultimi post, oggi vi faccio vedere un altro set della serie "abbinamenti coraggiosi"! E' arrivato a destinazione questa settimana ed è una delle mie creazioni più recenti: il set per Carola in arancione e rosa!
 
Quando la mamma della bimba mi ha chiesto di accostare questi due colori sono rimasta un po' perplessa e gliel'ho detto, inoltre dovevo conciliare anche la presenza di due animali differenti, che piacevano entrambi a Carola.
Dopo il solito intenso scambio di mail e vista la composizione "simmetrica" del set, abbiamo concordato di fare una coppia di spugne di uno colore e con uno dei due animali e l'altra coppia di spugne con l'altro colore ed animale, riunendoli solo sul sacchettino e sul portabavaglino.
Ecco il risultato finale:
 
 
Come stoffa per lo sbieco la scelta è ricaduta sul pois: rosa per bavaglino ed asciugamano con il cane...

 
...ed arancione per la coppia con il cavallo:

 
I miei 2 colori neutri preferiti, bianco e beige, mi hanno aiutata a mediare fra rosa ed arancione, che ho unito nella bustina portabavaglino con chiusura in velcro adatta ai bambini...

 
...ma soprattutto nel sacchettino patchwork, dove compaiono il cane, il cavallo ed anche le due stoffe, e mi sembra che non cozzino nemmeno troppo!

 
Come Mokacharm un cuoricino patchwork con il nome della bimba scritto con un punto macchina:

 
Nonostante le mie perplessità iniziali, alla fine sono stata contenta di uscire dalla "confort zone" e sperimentare anche questo accostamento ed ho constatato che quando l'occhio ci si è abituato può trovarlo anche gradevole! Voi che ne pensate?

mercoledì 16 agosto 2017

Spunti da una mamma educatrice: il cassetto dei materiali


Ciao! Siete tutti in vacanza? Io sono nel bel mezzo del mese di ferie lontano dal lavoro in asilo, ma la formazione è quella ed avendo per casa due bambine spesso mi ritrovo a riportare sotto il mio tetto cose che faccio o mi piacerebbe fare anche in asilo.
Ho pensato quindi, dato che a volte mi è stato chiesto consiglio in merito, di dare il via a questa nuova "rubrica" per darvi qualche spunto sul come/cosa fare con e per i bimbi, in particolare per quelli più piccoli, ma che suggerisco anche fino alle elementari.
 
Approfittando del riordino totale della cameretta delle gemelle fatto ieri, voglio parlarvi di quello che noi abbiamo chiamato "cassetto dei materiali".
Si tratta di un cassetto che si estrae da sotto il letto e quindi alla loro libera portata: dentro ci ho messo dei contenitori di plastica che ci stanno proprio perfetti e che altro non sono che le vaschette (ovviamente lavate) che mi danno al ristorante per trasportare i cibi da asporto senza sporcare l'auto. In commercio esistono comunque vaschette di plastica più o meno delle stesse dimensioni, o se volete fare riciclo come me, anche delle normali scatole da scarpe o da camicie si adattano perfettamente allo scopo. Non metteteci i coperchi, perché tutto deve essere immediatamente visibile a colpo d'occhio.
 
Ecco qui come si presenta dall'alto:

 
Gli elementi a disposizione sono diversi per forma, colore, dimensione, materiale, ma comunque non c'è una regola fissa: l'importante è che non siano "strutturati", ossia che non abbiano un uso già definito e lascino invece spazio alla libertà di utilizzarli come la fantasia suggerisce, senza che ci sia un giusto o sbagliato.
Potete metterci quello che volete e che riuscite a reperire: nel mio caso ho messo a disposizione dei bastoncini di legno (dei gelati  e del giapponese)...

 
...le conchiglie della pescheria da asporto e delle nostre vacanze...

 
...alcuni bastoncini, coperchi e tappi di plastica e più sotto alcuni dischi di cartone recuperati dalle torte di compleanno:

 
A proposito della plastica ci tengo ad esprimere il mio parere, che probabilmente va un po' controcorrente con il pensiero di tanti altri: nei corsi di formazione che frequento, ultimamente sento speso osannare i cosiddetti "materiali naturali" a scapito di quelli di plastica, ma secondo me c'è molta confusione sulla differenza fra materiale naturale e materiale non strutturato.
Quando si parla di materiale naturale a me viene subito in mente il legno, però dal punto di vista educativo non vedo alcuna differenza fra un giocattolo in legno ed uno in plastica (anzi, volendo ben guardare a volte le vernici usate per dipingere il legno sono peggio del gioco di plastica)...se ci sono dei tasti da premere, il bambino solo quello può fare in entrambi i casi. Personalmente preferisco proporre una scatola di tappi di plastica colorati piuttosto che un'automobilina di bambù.
 
Io credo che la ricchezza per un bambino si trovi in tutti quei materiali, siano di origine naturale come non, che invece danno la possibilità di creare accostamenti, abbinamenti ed attività sempre diverse e quindi ben vengano le pigne, i rametti, i sassi, le foglie, le conchiglie, ma anche i tappi dei vari flaconi o degli omogeinizzati, vecchi cd, rondelle o bastoncini di metallo, rotoli di cartone (dello scotch, della cartigienica, della pellicola...), o ancora vecchi negativi fotografici, carte trasparenti e colorate di caramelle...

Ecco allora che nelle nostre varie scatole compaiono anche le gocce colorate di plastica: a volte sono pesciolini, altre volte delizie da mangiare, altre volte semplice colore da distribuire sulla tavolozza...l'immaginazione vola e questo per me significa aver raggiunto lo scopo!

 
Ho messo in questo cassetto anche le costruzioni di legno con viti e bulloni perché le mie bimbe, che orami hanno 6 anni e mezzo, potessero misurarsi anche con qualcosa di assemblabile su 3 dimensioni:

 
Infine una serie di materiali che potrete lasciare a disposizione dei bimbi più grandini, ma che dovrete regolamentare per i più piccoli, se non volete trovarli in giro dappertutto rischiando di pentirvi di averli proposti: trattandosi di alimenti che alla lunga potrebbero attrarre gli insetti, io li ho sigillati in contenitori a chiusura ermetica e vi consiglio vivamente di fare altrettanto, recuperando ad esempio i secchielli dello yogurth da kilo o le vaschette del gelato o ancora i barattoli del caffè.
 
 
Dentro ci ho messo: un mix di riso, orzo ed altri cereali, la pastina colorata che abbiamo fatto io e le bimbe qualche anno fa, alcune noci e castagne matte, perline di plastica e lenticchie secche.
 
 
Le gemelle si divertono moltissimo con questo cassetto pieno di piccoli tesori ed inventano ogni volta attività sempre nuove. Di tanto in tanto aggiungo o sostituisco qualcosa in base a quello che mi capita fra le mani e poi sto a guardare in silenzio cosa succede: se proverete vi accorgerete che i bambini si inventano abbinamenti che noi adulti mai immagineremmo e vi stupirete della loro grande capacità di risolvere i problemi in modo per niente scontato ed a volte molto più ingegnoso del nostro!
 
Come spunto pratico aggiungo che io ho scelto per questo cassetto quasi tutti materiali lavabili in lavastoviglie, non avendo né il tempo né la voglia di lavarli a mano. Trattandosi di un cassetto che sta sotto al letto in cameretta, ho evitato anche materiale deperibile o troppo sporchevole (pigne, rametti, sassi...) e tutta la parte di carte, cartoncini, nastri vari che sta in un altro cassetto, ma voi non scordatevi di proporla almeno di tanto in tanto!
 
Spero che questo post vi possa essere utile e se vi fa piacere lasciatemi un commento per dire cosa ne pensate!